L’educazione all’oceano per tutti

ocean-literacy-italia-Leducazione-alloceano-per-tutti-2

L’oceano è fonte di cibo, energia, materie prime, minerali e, sempre più frequentemente, di farmaci innovativi. E non solo: regola il clima terrestre e ospita la più grande diversità di esseri viventi ed ecosistemi, fornendo, allo stesso tempo, servizi economici, sociali ed estetici all’intera umanità. Conoscere e comprendere l’influenza dell’oceano su di noi e la nostra influenza sull’oceano diventa, quindi, fondamentale per vivere e agire in modo sostenibile: questa è l’essenza dell’Ocean Literacy, ovvero ”Educazione all’Oceano”.

L’ 8 giugno è una ricorrenza speciale: il World Oceans Day, Giornata Mondiale degli Oceani, istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 2008. L’Ufficio Regionale UNESCO per la Scienza e la Cultura in Europa celebra, assieme alla Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO questa giornata con il lancio della pubblicazione intitolata “Educazione all’Oceano per Tutti – Kit pratico”. La pubblicazione, la cui versione originale inglese è stata pubblicata alla fine del 2017, ha l’obiettivo di fornire ad educatori e studenti di tutto il mondo gli strumenti, le risorse e i metodi innovativi per comprendere i complessi processi e funzioni dell’oceano ed evidenziare le problematiche più urgenti. Primi fra tutti i cambiamenti climatici. Riscaldamento e innalzamento del livello del mare stanno avvenendo a ritmi molto più veloci di quanto di pensasse, l’aumento della concentrazione di CO2 sta causando una diminuzione del pH con conseguenze nefaste su ecosistemi unici come le barriere coralline. E poi la plastica, con oltre 8,3 milioni di tonnellate di rifiuti plastici sversati in mare ogni anno. “Per questa versione italiana, i miei ringraziamenti vanno all’Associazione per la Commissione Nazionale UNESCO Italia Onlus e alla Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO per il supporto”, afferma Ana Luiza M. Thompson-Flores, Direttore dell’Ufficio Regionale UNESCO per la Scienza e la Cultura in Europa. “Ci auspichiamo che questa pubblicazione possa fornire un supporto concreto a docenti ed educatori, che vogliano intraprendere un percorso di formazioni sui temi relativi all’oceano, e che possa essere inoltre considerato uno strumento utile nell’ambito più ampio dell’educazione allo sviluppo sostenibile e dell’implementazione dell’Agenda 2030”. “Speriamo che questa pubblicazione spinga i lettori – scienziati, educatori o studenti – ad assumere una maggiore responsabilità personale rispetto all’oceano”, aggiunge Franco Bernabè, Presidente della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO. “Che li stimoli ad agire come cittadini, a lavorare attraverso collaborazioni e reti, a condividere idee ed esperienze e a sviluppare nuovi approcci e iniziative a sostegno dell’Educazione all’Oceano” “La difesa e la tutela del mare e degli oceani richiedono grande attenzione da parte di tutti”, sottolinea Sergio Costa, Ministro dell’Ambiente. “Il buono stato di salute degli oceani come patrimonio comune è anche il lascito che noi siamo tenuti a consegnare integro alle future generazioni. Strumenti come questo volume sono strategici nella diffusione di una cultura del mare e a spiegare la fondamentale ricchezza di questi habitat anche in termini di capitale naturale”. 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su telegram
Telegram